Tra Canabalt e Mirror’s Edge c’è FOTONICA

I ragazzi di Santa Ragione hanno finalmente ultimato e diffuso la versione definitiva del loro interessante FOTONICA. Nel gioco, vi ricordo, ci troviamo in un mondo di vettori visto attraverso gli occhi del nostro alter-ego digitale, un po’ come accade in Mirror’s Edge, e dobbiamo lanciarci in una folle corsa in maniera non troppo diversa da quanto abbiamo già fatto in Canabalt.

L’ambientazione che ci circonda è formata da un lungo percorso suddiviso su più livelli, intervallato da rampe e burroni da superare con un salto per non cadere nel vuoto. Il sistema di controllo è estremamente semplice: per compiere le nostre azioni ci basta l’utilizzo di un tasto qualsiasi, che premuto porta ad acquistare velocità e rilasciato fa spiccare un salto. Essenziale, inoltre, è “atterrare” correttamente sulle diverse piattaforme che ci si parano di fronte,  potendo accelerare la discesa premendo nuovamente il tasto mentre siamo ancora a mezz’aria. Lungo il percorso ci imbatteremo anche in alcuni cerchi bianchi, da raccogliere per accumulare punti.

Stilisticamente è affascinante, mentre la sensazione di velocità è riprodotta in maniera eccellente, anche grazie alla presenza di diversi effetti grafici che ci accompagnano lungo gli scatti. Rispetto alla versione beta dello scorso ottobre, Pietro Righi Riva e Nicolò Tedeschi hanno deciso di reintrodurre le braccia in movimento (rimosse in precedenza sotto suggerimento di alcuni utenti): stavolta sono decisamente più coerenti con il resto della grafica, ma chi vuole può sempre disattivarle dalle opzioni. In più, è stato aggiunto un nuovo livello di difficoltà, ad affiancare i due già disponibili, laddove, piccola curiosità, a ogni scenario è stato dato il nome di una fermata della metro di Milano.

Se non l’avete già fatto, correte a provarlo.

Gioca a FOTONICA

Leggi i 16 commenti a questo articolo